lunedì, 2 Maggio, 2022

Sondaggio Amministrative a Capua: Romano e Brogna i più conosciuti ma i meno attraenti. Del Basso la più stimata

Share on facebook
Share on twitter
Share on telegram
Share on whatsapp

Cinque domande ad un campione di poco inferiore ai mille elettori capuani, per tentare di comprendere gli orientamenti in vista delle prossime elezioni del 12 giugno. A stilare la ricerca il Centro Studi Socio-Politici ‘Giovannino Guareschi’ che ha scelto di seguire, tra le grandi sfide elettorali in Terra di Lavoro, proprio l’evoluzione della vicenda di Capua. “Nella nostra provincia i dati dei due grandi comuni chiamati al voto vedono una situazione già fortemenente orientata nelle opinioni degli elettori a Mondragone, dove Lavanga è percepito come in ‘vantaggio’ quando non già ‘vincente’ – sostiene il presidente del sodalizio Giancarlo Rinaldi – A Capua, fin dalle rilevazioni preliminari assistiamo invece, ad una frattura profonda dell’elettorato e ad una sostanziale incertezza che ci ha spinto ad interessarci di quella realtà”.

La prima rilevazione del ‘Centro studi’, però, non è un sondaggio tout court sul voto dei capuani. “Quello che abbiamo voluto preliminarmente testare sono le percezioni dei capuani in termini di qualità della vita e capire come gli elettori orientano il loro voto”.

Su questo fronte emerge nettamente la sensazione che la città di Capua sia peggiorata, e molto, negli ultimi anni: il 73% degli intervistati la pensa così soprattutto a causa dei problemi alla vivibilità.

Idee ancora confuse su chi votare: solo 36% degli elettori ha già deciso a chi assegnare la propria preferenza. Scelta, dettata, per il 64% degli intervistati dal rapporto diretto con il candidato al consiglio. Quasi un quarto dei capuani, il 24% dichiara di scegliere chi votare  in base agli impegni assunti dai candidati e solo il 3% ha ammesso di fare scelte politiche basate sui programmi, mentre pochi di più. Il 5% del totale, esprimeranno alle amministrative un voto basato sull’appartenenza partitica o di coalizione.

Il dato più significativo di questo primo report è quello che riguarda il rapporto conoscenza – fiducia dei quattro candidati sindaco della città che già si sono presentati agli elettori. Ad avere la peggio sono i volti più conosciuti della città, in particolare Adolfo Villani (conosciuto da 63 intervistati su 100 ma che ispira fiducia solo in 36 elettori) e Paolo Romano che, forte della sua vasta attività politica, fa segnare il record positivo in termini di conoscenza (75/100)  ma non corrisposto dalla fiducia (ferma al 39).  L’imprenditrice Carmela Del Basso registra un rapporto più favorevole in termini di fiducia (attestata al 42%) ma è conosciuta dal 44% dell’elettorato. Ancor più in basso Ferdinando Brogna, cui è assegnato un dato conoscenza/fiducia pari a 39/27.

Solo il 52% degli intervistati che hanno risposto al sondaggio ha votato alle scorse elezioni comunali. “La ricerca portata avanti dai nostri giovani è estremamente interessante e, come tutte le rilevazioni statistiche, soggetta ad errori. Nonostante questo ci consentono – ha commentato Giancarlo Rinaldi, presidente del Centro Studi Socio-Politici Giovannino Guareschi’  – di avere una visione chiara delle perplessità e dei dubbi dei capuani rispetto ai candidati in campo. Il dato più interessante è la bassa fiducia complessiva che i capuani, al di là dei candidati in campo, sembrano nutrire verso la politica capuana. Vale la pena di sottolineare, anche per rispetto ai 4 candidati in campo, che quando parliamo di fiducia politica facciamo riferimento all’operato come amministratori e non certo al loro privato o alla loro professione. La vera sfida, per loro, – ha concluso il presidente del Centro Studi – deve essere quella di convincere i capuani ad avere fiducia in loro. Chi riuscirà, meglio degli altri, a colmare questo gap, si troverà senz’altro avvantaggiato al momento dell’apertura delle urne”.

(COMUNICATO STAMPA)

Potrebbe interessarti anche

Carmela Del Basso sindaca ‘per’ Capua: ecco le liste

Biodigestore, Napoletano (FdI): “Consiglio da rinviare. Vi spiego il perché”

Buono spesa Covid, il Comune stanzia nuovi fondi