lunedì, 10 Gennaio, 2022

Cose ‘turche’ al Palavignola, Vignola e Fusco interrogano l’amministrazione

Share on facebook
Share on twitter
Share on telegram
Share on whatsapp

La vicenda della gestione e dei conti arriva in consiglio comunale

Due parole azzeccate, quelle usate nel comunicato stampa con cui i consiglieri di opposizione Romolo Vignola e Dino Fusco, di Speranza per Caserta, chiedono conto della vicenda del Palavignola, la struttura sportiva della Saint Gobain. ‘Grottesca’ e ‘assurda’ la storia del palazzetto, della gestione, dei conti su cui, i due consiglieri, vogliono vederci chiaro. Vignola e Fusco hanno presentato una interrogazione che sarà discussa nel consiglio comunale del 13 gennaio, in seconda convocazione.

“Quella del Palavignola è una vicenda assurda e grottesca che si protrae ormai da troppo tempo, sulla quale è arrivato il momento che l’amministrazione non soltanto dia delle risposte chiare, ma si attivi per restituire alla fruizione della collettività un impianto sportivo di enorme utilità per la nostra città. Innanzitutto – continua Vignola – chiediamo se finalmente siano state incassate delle somme da parte del signor Turco, ex presidente della ormai scomparsa Volalto 2.0, che ci risulta essere ancora titolare di un contratto di concessione per il quale dovrebbe versare 36mila euro all’anno alle casse comunali. Peraltro, chiediamo anche di sapere se tale concessione può ancora ritenersi valida, stante la radiazione della società sportiva che se l’era aggiudicata, e vista una pronuncia dell’ANAC che ha contestato le modalità di affidamento dell’impianto. Turco sostiene – incalza il consigliere – che il tetto si sia pericolosamente incurvato sotto il peso dei pannelli solari. Qualcuno ha disposto una verifica tecnica?” si domanda Vignola.

Potrebbe interessarti anche

Sondaggio Amministrative a Capua: Romano e Brogna i più conosciuti ma i meno attraenti. Del Basso la più stimata

Carmela Del Basso sindaca ‘per’ Capua: ecco le liste

Biodigestore, Napoletano (FdI): “Consiglio da rinviare. Vi spiego il perché”